Disturbi psicotici

Cosa sono

Con disturbo psicotico si intende un disturbo psichiatrico caratterizzato da un distacco dall’ambiente che lo circonda, da forti difficoltà ad iniziare delle attività e a provare sentimenti autentici nei confronti delle altre persone, compromissione dell’esame di realtà e disturbi formali del pensiero.

I sintomi psicotici sono raggruppabili in:

  • Disturbi di forma del pensiero: alterazioni del flusso ideico, fino alla fuga delle idee e all’incoerenza, alterazione dei nessi associativi;
  • Disturbi di contenuto del pensiero: ideazione prevalente o delirante (i cosiddetti deliri);
  • Disturbi della sensopercezione: allucinazioni uditive, visive, olfattive, tattili, gustative.

I principali disturbi psicotici sono: Schizofrenia, Disturbo delirante, Disturbo schizofreniforme, Disturbo schizoaffettivo, Disturbo psicotico breve.

Epidemiologia e cause

I disturbi psicotici, generalmente, esordiscono nell’adolescenza e nella precoce età adulta e quasi sempre sono il risultato di fattori organici, psicologici e costituzionali. Non sono ancora state identificate con chiarezza le cause che generano questo tipo di disturbi. E’ largamente diffusa l’ipotesi che siano interessati fattori biologici, genetici, psicologici e sociali.

E’ probabile che tali fattori possano creare in alcune persone una vulnerabilità a sviluppare questo tipo di disturbi; tale vulnerabilità in condizioni di stress particolarmente accentuato o cronico può permettere lo svilupparsi di tali disturbi.

Trattamento

Il trattamento delle psicosi punta a ristabilire un corretto funzionamento biochimico del sistema nervoso centrale. Nella fase acuta, è fondamentale l’intervento farmacologico (farmaci antispicotici). Soltanto quando la persona è stabilizzata da un punto di vista farmacologico, è possibile iniziare un lavoro di tipo psicologico.

L’intervento mira soprattutto a fornire alla persona adeguate conoscenze circa il proprio disturbo, aiutarla a sviluppare adeguate strategie di fronteggiamento (coping) dei sintomi, ma anche abilità sociali, comunicative.

È importante infine esplorare insieme al paziente il significato dei sintomi.

Lungo l’intera durata dell’intervento è indispensabile supportare e coinvolgere la famiglia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...