Gravidanza e post partum

La nascita di un figlio costituisce una fase di transizione per la donna, che si trova a confrontarsi con profonde trasformazioni a livello corporeo, psicologico, relazionale.

La gravidanza può essere vista come un passaggio dal ruolo di figlia al ruolo di madre, con tutte le ansie e paure che ciò può comportare.

Il cambiamento interessa anche la coppia e la famiglia nel suo insieme. Il nuovo nato sposta la dinamica relazionale dalla diade (coppia) alla triade e si pone all’interno di un nuovo triangolo relazionale, costituito da madre, padre e figlio.

Il progetto “gravidanza e post-partum” si pone l’obiettivo di accompagnare e assistere la donna all’interno del cammino che la porterà dallo stato di attesa a quello di accoglienza del nascituro, aiutandola a vivere serenamente la fase di gravidanza, così come quella del puerperio e del post partum.

Durante la gravidanza è importante che la donna trovi degli spazi da dedicare a momenti di riflessione, di ascolto interiore, di rielaborazione dei propri vissuti, così come imparare a rilassarsi fisicamente per facilitare la quiete psichica.

E’ anche importante supportare la coppia in questa fase di cambiamento, aiutarla a far prevalere il “senso del noi”, sul “senso dell’io”, senza per questo perdere il ruolo che si possedeva prima che arrivasse il piccolo.

STRUTTURA DELL’INTERVENTO:

L’intervento prevede la stretta collaborazione di diverse figure professionali: psicologa, ginecologa, dietista.

In seguito ad un primo incontro di valutazione si decide per un’opzione di intervento integrata o per un sostegno esclusivamente psicologico.

L’intervento psicologico, di tipo cognitivo-comportamentale può prevedere sessioni individuali e/o di gruppo,sempre a seconda della valutazione iniziale e delle esigenze/richieste della mamma in attesa.

Gli incontri di gruppo, di massimo 12 persone, si articolano nei seguenti moduli:

Primo modulo: Desiderio di un bambino

  • La decisione di avere un figlio
  • La decisione all’interno della coppia
  • Il nuovo triangolo relazionale (madre-padre-bambino), dalla “coppia” alla “coppia genitoriale”

Secondo modulo: Cambiamenti di ruolo

  • Elaborazione di uno spazio mentale per il nascituro.
  • Assunzione di un ruolo attivo verso la prospettiva di una gravidanza
  • Gestione dei diversi ruoli (madre, figlia, lavoratrice, casalinga)
  • Nascita e costruzione della paternità

Terzo modulo: Modificazioni biologiche

  • Cambiamenti ormonali, fisiologici, corporei
  • Alimentazione e gravidanza

Quarto Modulo: L’umore in gravidanza

  • variazioni di umore
  • maternal blues
  • depressione post-partum

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...